Il Settecento

La storia della pittura italiana del XVIII secolo analizzata per ambiti regionali e grandi centri, e approfondita secondo le diverse direttrici di influenza, di stile e di committenza, con un ricco repertorio di immagini.

Il volume analizza la pittura italiana nel XVIII secolo ed è strutturato per saggi territoriali, tracciando un profilo geo-storico dell’Italia nel suo momento di passaggio dal linguaggio tardobarocco al rococò, dal rococò all’accademizzazione del barocco e al rinnovamento neoclassicista di fine secolo. È il momento in cui molte scuole pittoriche locali vanno declinando a favore di un linguaggio sovra-nazionale, anche se con alcune luminose eccezioni: Venezia, con gli esiti sublimi di Giambattista Tiepolo, e Roma quale polo privilegiato di attrazione per gli artisti di tutta la penisola.

Una particolare attenzione viene riservata inoltre ad altri aspetti, quali la pittura di genere o lo sviluppo delle Accademie, che vanno al di fuori di una trattazione strettamente regionale. Il volume è corredato di un ricco repertorio iconografico che comprende, oltre alle riproduzioni di capolavori celeberrimi, materiali inediti.


Formato
25x28
Legatura
cartonato con sovraccoperta
Pagine
952
Anno di pubblicazione
1990
ISBN
9788843532797
Genere
Arte
Marchio
Electa