Adalberto Libera
  • € 77,47

    Fuori catalogo

Un presenza fondamentale nel dibattito della storia dell'architettura italiana del XX secolo.

L’adesione di Libera alle vicende del Gruppo 7 e alle successive manifestazioni del Miar e la committenza di importanti lavori, lo collocano nel contesto ambiguo delle sperimentazioni italiane a cavallo tra il terzo e il quarto decennio del XX secolo. La sua posizione si colora tuttavia di una fondamentale attitudine interdisciplinare testimoniata dal complesso palazzo dei Congressi, ove progetta pareti “costruite” a mosaico, mentre nella sintesi mediterranea e purista di villa Malaparte si rispecchia la sua attitudine a un componimento per sospensioni metafisiche e alla rivitalizzazione simbolica del mito classico.

Questo volume sottolinea volutamente la connessione tra architettura e arti figurative e fa emergere nella visione teorico-poetica di Libera il carattere di assoluta essenzialità, indagando passo passo il processo creativo in tutte le sue relazioni con le dinamiche culturali del Novecento e del secondo dopoguerra.

Ulteriori informazioni negli Allegati.


Formato
25x28
Legatura
cartonato con sovraccoperta
Pagine
256
Anno di pubblicazione
1989
ISBN
9788843527465
Lingua
Italiano
Genere
Architettura
Marchio
Electa

Fuori catalogo
Verifica la disponibilità nel sistema bibliotecario