Architettura

AA.VV.

Modena 1598 L'invenzione di una capitale

a cura di Claudia Conforti, Giovanna Curcio, Massimo Bulgarelli

  • € 46,48

    Fuori catalogo

Una straordinaria sequenza di documenti illustra le piccole e grandi trasformazioni urbanistiche e architettoniche di Modena alla fine del Cinquecento nel passaggio da piccola città padana a sede della corte estense.

La morte di Alfonso II d’Este decreta la fine di Ferrara come capitale dello stato estense. Il duca Cesare degli Este di Montecchio, erede di quanto rimane dell’antico dominio, si insedia a Modena, eleggendo a capitale la piccola città padana.
È la costruzione della reggia che finirà per focalizzare in modo particolare l’attenzione della dinastia vedendo in campo i più brillanti architetti emiliani e romani, da Girolamo Rainaldi a Gian Lorenzo Bernini.
Sulla base di una straordinaria sequenza di documenti d’archivio il volume esamina le minute, innumerevoli modifiche apportate all’edilizia comune che hanno rimodellato la città quotidiana sul riflesso del palazzo e della corte. La pubblicazione degli inventari dei beni immobili dei Molza, tra le dinastie protagoniste della scena modenese, rende esplicita una delle strategie famigliari di insediamento urbano che hanno fatto di Modena, come il volume dimostra, una vera “capitale” dal punto di vista architettonico e urbanistico.
Ulteriori informazioni negli Allegati.


Formato
22 x 28
Legatura
brossura con alette
Pagine
352
Anno di pubblicazione
1999
ISBN
9788843570805
Genere
Architettura
Marchio
Electa

Fuori catalogo
Verifica la disponibilità nel sistema bibliotecario