Architettura

AA.VV.

Henri Labrouste 1801-1875

a cura di R. Dubbini

  • € 46,50

    Fuori catalogo

Principale esponente della corrente razionalista nella Francia dell'Ottocento, Labrouste fu tra i primi a intuire le potenzialità dell'uso del ferro in architettura.

Questo volume raccoglie i contributi che un gruppo di studiosi ha dedicato a un’eminente personalità dell’architettura dell’Ottocento, cercando di approfondire aspetti che la storiografia aveva soltanto sfiorato – se non del tutto ignorato – e di correggere più di una deformazione interpretativa. Gran parte dei saggi costituiscono lo sviluppo delle relazioni presentate dai partecipanti al convegno Henri Labrouste architetto (1801-1875) tenutosi nel 1996 presso il Dipartimento di Storia dell’architettura di Venezia. Altri sono il frutto di ricerche che alcuni studiosi hanno elaborato successivamente e che completano il quadro generale dell’architetto francese.

Principale esponente della corrente razionalista nella Francia dell’Ottocento, Labrouste fu tra i primi a intuire le potenzialità dell’uso del ferro in architettura, che sperimentò per la prima volta in un edificio pubblico, la Bibliothèque Sainte-Geneviève di Parigi. Il suo capolavoro è a tutt’oggi considerato la Bibliothèque Nationale, sempre a Parigi, di cui fu nominato architetto nel 1852.
Ulteriori informazioni negli Allegati.


Formato
25x28 cm
Legatura
cartonato con sovraccoperta
Pagine
304
Anno di pubblicazione
2002
ISBN
9788843596348
Genere
Architettura
Marchio
Electa

Fuori catalogo
Verifica la disponibilità nel sistema bibliotecario