Versace

In questo libro c'è il racconto di una delle vicende più straordinarie della moda italiana. Vicenda esemplare, perché traccia in una costellazione complessa tutte quelle intuizioni che hanno plasmato il fashion contemporaneo.

Una selezione di immagini svolge il percorso emblematico di un brand apripista, che è arrivato a definire e aggettivare cose e persone: Versace è un nome talmente forte e chiaro da essere diventato sinonimo di un modo di essere. I suoi simboli, la medusa e la greca, assimilati, quasi inconsapevolmente, da un’antichità aulica e familiare, si sono trasformati in decoro e ritmo del tempo universale e sempre presente della moda. Selezionando a fatica le fotografie per il libro, data la ricchezza dei materiali, ci siamo resi conto che quello che stavamo guardando non era il semplice presente della moda di un marchio seminale, ma proprio la sua dialetticità: il suo essere presente simultaneamente proiettato nel futuro e ancorato al passato. Il motore della moda insiste sempre su se stesso, secondo lo schema di una temporalità modulare, ripetitiva, piegata in due: ‘Il Presente non è inutilmente impacciato dal Passato; si limita a crescervi sopra, come un albero, le cui radici non sono aggrovigliate con i rami, ma se ne stanno pacificamente sottoterra’.” (dalla prefazione di Maria Luisa Frisa e Stefano Tonchi).


Pagine
288
Anno di pubblicazione
2016
ISBN
9788817083744
Lingua
Italiano
Genere
Fashion
Marchio
Rizzoli