Lasciami volare, papà

Questo libro nasce dalla sofferenza che nessuna famiglia e nessuna società civile dovrebbe mai provare. Questa nuova edizione ampliata e aggiornata di Lasciami volare papà, è un libro doppio: una parte è dedicata ai figli e una ai genitori.

Emanuele, 16 anni, dopo una festa, con la mente alterata da sostanze stupefacenti si getta nel fiume e muore. Nella sua immensa sofferenza il padre Gianpietro comprende che deve e può fare qualcosa. Nasce la fondazione Ema Pesciolino Rosso e poi la prima edizione di questo libro. Un incredibile successo, nato con l’aiuto degli amici Marcello Riccioni, Jacopo Assettini e del dottor Matteo Merigo, perché la morte di Emanuele non sia stata vana, per incoraggiare il dialogo tra genitori e figli, perché da una parte e dall’altra si impari a spogliarsi delle proprie certezze per fare spazio all’altro, al suo mondo, al suo modo di vedere le cose.
Un libro rivolto a quanti, adulti, in ogni forma e modo hanno a che fare con i giovani: genitori, insegnanti, catechisti. E ai ragazzi, soprattutto a coloro che hanno perso il senso della vita, a coloro che non trovano la forza di dire ai loro genitori che si stanno perdendo. Essere genitori è difficile, non te lo insegna nessuno, non c’è nessuna scuola da frequentare; al contempo essere figli è complicato non sempre ci si sente all’altezza dei propri genitori, non sempre si comprende che sbagliare qualcosa non significa essere sbagliati. I proventi guadagnati dalla vendita del libro saranno destinati dagli autori alla realizzazione dei progetti che l’associazione Pesciolino Rosso sta portando avanti per aiutare i giovani e per permettere a papà Gianpietro di girare in tutta Italia per raccontare la sua storia e quella di “Ema”.


Formato
14 x 21
Legatura
brossura con alette
Pagine
132
Anno di pubblicazione
2018
ISBN
9788891816061
Lingua
Italiano
Genere
Biografie
Marchio
Mondadori